Passa ai contenuti principali

Vaneggiamenti da lettori

Oggi è il 20 luglio. Oggi è il 20 luglio ma probabilmente questo post verrà programmato per domani. No, non sono impazzita. Non ancora almeno… Capirete, continuando la lettura di questo post, il perché della mia decisione.

Ho poche certezze nella mia vita:
1.       Il caffè appena sveglia. Almeno una tazzina devo berla; in caso contrario, la scontrosità è assicurata per tutta la mattinata. Alla stregua di un tossico, insomma.
2.       Adoro Luca Argentero: no, siamo seri, ma l’avete visto? Dio, quanti pensieri impur-ehm, sì, scusate ma, ognuno c’ha le debolezze che si merita… ed io mi merito lui. Decisamente!!!
3.       Acquistare libri su Libraccio.

Ed ecco che siamo già arrivati al motivo di questo post strampalato. Diciamo. All'incirca.


Libraccio per chi non lo sapesse vende, anche online, migliaia di libri nuovi e usati, a prezzi più o meno stracciati. Di recente, sono iniziati anche gli sconti. Con una spesa minima di 29 €, puoi portare a casa un sacco di bella robetta e non paghi nemmeno le spese di spedizione!

Una personcina con un briciolo di senno, non cederebbe alle sue continue lusinghe.
Appunto. Vi risulta io l’abbia?
La risposta corretta è: “assolutamente no”.
Per chi l’avesse indovinata, bravi, avete già capito tutto.

Qualche rigo fa, vi avevo parlato di alcune certezze che ho nella vita. Rimembrate? Ebbene, aggiungiamo a quelle tre, quella che per me sta diventando una tradizione.

Lo so, sto tergiversando. Mi piace. Ad alcuni farà rabbia ma a me diverte tenere qualcuno sulle spine. Ultimamente mi hanno detto che sono brava con le parole, pertanto, me ne approfitto spudoratamente. Al termine del post andrò ad indossare il cilicio, promesso.

Tradizione per le persone normali significa, giusto per fare un esempio ai limiti del banale, cotechino e lenticchie la vigilia di Capodanno.
Ma qui, trattasi di lettori e i lettori non hanno quasi mai tradizioni normali…
Ecco perché, ogni anno, io faccio almeno un acquisto “obbligatorio” su Libraccio. Approfitto della consegna differita - sì, fa anche questo! - del suddetto e mi faccio recapitare a casa un bello scatolone pieno di libri.
E fino a qua tutto normale, no?
Del resto, sono molti i lettori che acquistano su Libraccio usando quel tipo di servizio.

Ma vi ho anche detto che un acquisto all'anno non deve assolutamente mancare.
‘Sta volta la consegna  è avvenuta un giorno prima del previsto, suppongo il tizio dell’SDA avesse fretta. Ma se arriva, che si fa? Lo si manda a casa? Assolutamente no! Io tento pure di offrirgli qualcosa ché ormai sta diventando come un parente.

Il pacco è arrivato oggi ma io voglio continuare a rispettare le tradizioni e mostrarvi il contenuto soltanto domani, cioè oggi. Va beh, avete capito. Mannaggia a ‘sti post programmati!

Il domani/oggi non è una data scelta a caso, poiché il 21 luglio corrisponde...

*rullo di tamburi*

...al giorno del mio compleanno!

E quindi, di conseguenza, tanti auguri a me!



                                                                                                                                  
Buon ventiseiesimo compleanno, Cristina...

P.S.: meno male che faccio il compleanno ‘na volta all’anno, che se no mi toccava chiedervi ospitalità, considerato che non so più dove metterli!



Commenti

  1. Ma....i titoli?! Sono curiosa! :P Non riesco a decifrarli tutti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1. L'inconfondibile tristezza della torta al limone, Aimee Bender
      2. La regina degli scacchi, Tevis Walter
      3. Al paradiso delle signore, Zola Émile
      4. La donna in bianco, Wilkie Collins
      5. Questioni delicate che ho affrontato dall'analista, Klam Matthew

      Elimina
  2. Tanti auguri! ^^ ho la stessa tua edizione de "Al paradiso delle signore", queste edizioni mini mammut non mi fanno impazzire ma ho trovato solo quella in giro. La storia si è rivelata molto diversa da come me l'ero immaginata, è un bel libro ma mi aveva decisamente spiazzata, non era il momento giusto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! <3
      Ti dirò a me queste copertine imbottite piacciono e poi la scrittura non è microscopica come al solito. :)
      L'ho preso spinta dalla mia passione per la fiction - dal quale è tratta - trasmessa da Rai Uno qualche mese fa. Spero di non restare delusa! >.<

      Elimina
    2. Ho presente la serie, mi piacerebbe recuperarla! Aspetto il tuo parere allora! :)

      Elimina
  3. Tanti auguri allora! Che bello farsi auto-regali, mi sa che un mega ordine dal Libraccio per il MIO di compleanno non me lo leva nessuno!
    (No, no, DEVO TRATTENERMI... séh...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! <3

      Trattenersi? Cos'è, una cosa che si mangia? :P

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

RECENSIONE #11 - L'età dell'innocenza, EDITH WHARTON

Titolo: L'età dell'innocenza Autore: Edith Wharton Casa editrice: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

Prima di iniziare a blaterare sull'ultimo libro da me letto, ci tengo a precisare che non sono una critica letteraria. Amo leggere e mi limito a commentare i libri che ho letto in maniera talvolta ironica, tutto qua.

Ma torniamo alla recensione…

DOPPIA RECENSIONE: Slammed (Colleen Hoover) + La regina degli scacchi (Walter Tevis)

L’abbondanza non ha mai fatto carestia, recita un famoso proverbio siculo. Di conseguenza, oggi, doppia recensione! Non vedevate l’ora, eh? Eh lo so, nemmeno io… Chissà dove ho lasciato gli occhiali!
Buffonata a parte, oggi vi voglio veramente parlare di due libri: uno è “La regina degli scacchi” di Walter Tevis, edito da minimum fax e l’altro invece è “Slammed” (in italiano, “Tutto ciò che sappiamo dell’amore”) di Colleen Hoover, edito da Simon and Schuster (Fabbri, per quanto riguarda l’edizione italiana).

RECENSIONE #9 - Gente di Dublino, James Joyce

TITOLO: Gente di Dublino AUTORE: James Joyce 
CASA EDITRICE: Mondadori PREZZO: 7,65€ 
RECENSIONE
Gente di Dublino è una raccolta di racconti, quindici per l’esattezza, scritti da James Joyce dal 1914 al 1917.
Tre anni per scrivere dei racconti e due settimane circa, per me, per inveire amabilmente nei confronti del caro vecchio James.