Passa ai contenuti principali

Vaneggiamenti da lettori #3

Sono qui! Sono viva!
Speravate d'esservi liberati di me, eh? E invece no!

Ho pensato più volte di scrivere un post sul blog, ma non sapevo da dove iniziare. Oggi ho ripreso il coraggio in mano, pc sulle gambe e, finalmente, via con le farneticazioni.

Da dove inizio? Magari dalla novità più importante?
In un Paese in cui la parola "disoccupazione" ha preso il posto di "Mameli" nell'inno, io, bloggeressa e lettrice a tempo perso, ho trovato lavoro.
Ok, chiamarlo lavoro forse è un tantino esagerato... Lo chiamo col suo vero nome di battesimo: Servizio civile.
Da metà marzo faccio servizio civile e, sempre da metà marzo - più o meno - la mia carta prepagata per povery ha smesso di frignare come una neonata, grazie ad un megliodignente rimborso spese.

Quando feci le selezioni, mi chiesero perché avessi scelto proprio quel progetto; risposi che amavo molto leggere, e di conseguenza mi interessava parecchio fare (tra le altre cose) lettorato a ciechi ed ipovedenti.
Ora, che io non abbia letto loro nemmeno un libro e sia, di conseguenza, finita a fare tutt'altro è irrilevante, vero?

Non farò lettorato *sigh* ma faccio comunque qualcosa che mi piace e mi sta portando un sacco di soddisfazioni. Faccio qualcosa che mi piace, dicevo, e mi stanca a tal punto che, da quando "lavoro", non ho letto nemmeno un libro.

Ebbene sì! Lo confesso: non leggo più.
Forse è colpa dei libri in lettura - ne dubito -, forse è colpa mia che ho mille pensieri per la testa ma il big problema rimane. Il famigerato blocco del lettore ha colpito anche me che, mesi addietro, divoravo libri come fossero ciliegie.

Non solo non leggo, non compro nemmeno! Adesso che potrei permettermeli, non ho voglia di acquistarli. Sicché, giorni fa, ho pensato "magari mi vien voglia di scambiarli!" ed ho aperto un profilo su Acciobooks. Ne ho scambiato uno ma nulla, la voglia di leggere continua a latitare come un mafioso qualsiasi.
Ho provato ad iniziare un nuovo libro, buttandomi su uno dei miei personaggi preferiti in assoluto - Sherlock Holmes - ma nisba, nada, nothing, nemmeno lui è riuscito a risollevare le sorti del mio destino.
Ho millantato una reputazione da lettrice forte e adesso mi si sta ritorcendo contro. Dovevo sta' zitta!

Mi domando, ma voi che lavorate seriamente, dove lo trovate il tempo per leggere, ché io arrivo a casa stanca morta e alle 22:30 sono già esanime sul letto? Svelatemi il vostro segreto!

P.S.: per chi fosse interessato/curioso, il mio profilo su Acciobooks è: http://www.acciobooks.com/user.php?user_id=1031 (sì, quella è la mia faccia, da finta intellettuale!)

Commenti

  1. Ciao!! =)
    Anche io faccio Servizio Civile e, anche se si ostinano a dire che non è un lavoro, in realtà lo è a tutti gli effetti (orari, impegni e risultati da raggiungere lo dimostrano!). Nelle prime settimane di Servizio non leggevo più nemmeno io, poi ho trovato il modo di ritagliarmi degli spazi...certo, non leggo con la stessa velocità di prima, ma continuo a leggere! ;)
    Secondo me, se il blocco del lettore ti attanaglia, dovresti buttarti su qualcosa che hai già letto, solo per ritrovare il piacere della lettura conoscendo già la storia...
    Per quanto riguarda AccioBooks è un'ottima scelta...io lo uso da un annetto ormai...e i soldi spesi sono nettamente meno! Metti il rimborso spese del SC e i soldini risparmiati...si comincia a ragionare! ;D

    RispondiElimina
  2. Ciao fanciulla, intanto complimenti per il tuo post. Adoro la tua freschezza! Ci vuole proprio con questo caldo! Anche io ho fatto il servizio civile (ormai eoni fa) e c'era tantissimo da fare e pochissimo tempo per dedicarmi ad altro. E tranquilla, nessuno fa mai quello che dovrebbe! Io l'ho fatto in un'associazione per minori disagiati e mi sono ritrovata più spesso del previsto a fare volantinaggio e pulizie della sede! E' l'Italia, che ci vuoi fare? Però è stata comunque una bellissima esperienza che mi ha formata tantissimo (e che continuo a fare ancora a titolo di volontariato). Riguardo ai libri, io suggerirei di non incaponirti troppo sul leggere ad ogni costo, magari hai solo bisogno di staccare un pochino la spina e aspettare che qualcosa ti stuzzichi il palato cerebrale. Quando si è lettori, lo si è per sempre, quindi non mi preoccuperei più di tanto! ;)E poi, all'inizio, il SC è sfiancante, devi prenderci il ritmo ed ognuno ci mette il tempo necessario. Io i primi sei mesi sono stata k.o. (anche perché con quegli adorabili piccoli portatori di germi, ero eternamente ammalata!). Vedrai che tra un po' ti riscoprirai piena di energie! ;)

    RispondiElimina
  3. Ciao Cri! Non ho mai smesso di leggere il tuo blog e ora torno in pianta stabile da lettrice fissa! Attenderemo tutti con pazienza le tue recensioni. Il blocco del lettore capita a tutti (al momento ti capisco perfettamente, devo leggere una montagna di noiosi libri per l'università che tolgono tutto il piacere a quest'attività), ma vedrai che presto un nuovo libro attirerà la tua attenzione in libreria, lo comprerai e...benvenute notti insonni per terminarlo! Basta solo che tu non dorma davanti ai pazienti il giorno dopo! :P Baci!

    RispondiElimina
  4. Ciao mia cara, scusa se ti spammo così a brutto muso il messaggio qui sopra, ma non sapevo proprio dove altro scrivertelo! :D Ti ho nominata per il Liebster award di quest'anno, spero che tu abbia voglia di partecipare e rispondere alle mie domande! ;) ti lascio il link del post qui sotto: https://steliderba.blogspot.it/2017/07/its-all-about-blog-liebster-award-2017.html
    Un bacione

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

RECENSIONE #11 - L'età dell'innocenza, EDITH WHARTON

Titolo: L'età dell'innocenza Autore: Edith Wharton Casa editrice: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

Prima di iniziare a blaterare sull'ultimo libro da me letto, ci tengo a precisare che non sono una critica letteraria. Amo leggere e mi limito a commentare i libri che ho letto in maniera talvolta ironica, tutto qua.

Ma torniamo alla recensione…

DOPPIA RECENSIONE: Slammed (Colleen Hoover) + La regina degli scacchi (Walter Tevis)

L’abbondanza non ha mai fatto carestia, recita un famoso proverbio siculo. Di conseguenza, oggi, doppia recensione! Non vedevate l’ora, eh? Eh lo so, nemmeno io… Chissà dove ho lasciato gli occhiali!
Buffonata a parte, oggi vi voglio veramente parlare di due libri: uno è “La regina degli scacchi” di Walter Tevis, edito da minimum fax e l’altro invece è “Slammed” (in italiano, “Tutto ciò che sappiamo dell’amore”) di Colleen Hoover, edito da Simon and Schuster (Fabbri, per quanto riguarda l’edizione italiana).

RECENSIONE #9 - Gente di Dublino, James Joyce

TITOLO: Gente di Dublino AUTORE: James Joyce 
CASA EDITRICE: Mondadori PREZZO: 7,65€ 
RECENSIONE
Gente di Dublino è una raccolta di racconti, quindici per l’esattezza, scritti da James Joyce dal 1914 al 1917.
Tre anni per scrivere dei racconti e due settimane circa, per me, per inveire amabilmente nei confronti del caro vecchio James.